Giulio Speranza – Majella Madre, la montagna degli uomini e dello spirito

Ho conosciuto di persona Giulio nel luglio 2020 quando già il libro sul Gran Sasso era stato ultimato. Ne avevo seguito la genesi nei mesi precedenti e mi aveva molto colpito l’approccio della fotografia in montagna raccontato dall’autore, approccio del quale ho poi avuto occasione di parlare nell’articolo nel quale descrivo una giornata trascorsa con lui sul monte abruzzese per antonomasia.

Dal mio punto di vista l’Abruzzo si esaurisce tra versante aquilano e teramano del Gran Sasso con qualche appendice verso il pescarese. Del resto, quei territori, sono il mio buen retiro e lì ho concentrati affetti e senso di appartenenza ad una terra non mia ma che mi ha accolto e profondamente affascinato.

Durante il tempo trascorso insieme in quella torrida giornata di luglio, Giulio mi aveva anticipato la sua idea di dedicare alla Maiella il nuovo libro che già all’epoca aveva in mente di realizzare.

Colsi la notizia in modo piuttosto indifferente più che per falso campanilismo, per la profonda ignoranza che realizzai in quel momento di avere su quella montagna sulla quale non ero, e a tutt’oggi non sono, mai stato.

foto di Giulio Speranza

L’unico punto di riferimento, da aquilano adottivo, era il ricordo di Pietro Angelerio del Morrone le cui spoglie sono custodite nel capoluogo abruzzese nella chiesa di Collemaggio nella quale fu incoronato Papa  il 29 agosto del 1294 con il nome di Celestino V.

Pietro pur provenendo da una zona diversa, per quanto non molto distante dalla Maiella, su questa montagna trascorse i primi anni da eremita trovando rifugio sotto un costone di roccia nel quale fu edificato dopo la sua morte l’eremo di Sant’Onofrio.

quello che resta dell’eremo di Sant’Onofrio – foto di Giulio Speranza

Egli si spostò poi sul versante settentrionale della Maiella, nei pressi di Roccamorice, nell’abbazia di S. Spirito a Maiella che diventerà la prima casa della congregazione religiosa da lui fondata, che assumerà poi il nome di Ordine dei Celestini.

Santo spirito – foto di Giulio Speranza

Questi luoghi e questi itinerari sono stati percorsi da Giulio nel periodo dedicato a ritrarre i molteplici scenari di questa montagna degli uomini e dello spirito come riportato nel titolo del libro, fedele, come lui stesso ricorda nella presentazione, all’impostazione a metà strada tra documentazione ed estetica, rigorosamente in bianco e nero su pellicole di grande formato usando banchi ottici.

Questo approccio alla fotografia in montagna richiede lucidità, allenamento e concentrazione che maturano in ore e ore di salita a piedi con l’attrezzatura sulle spalle, nell’individuazione dei punti di ripresa e nell’utilizzo della fotocamera grande formato spesso in condizioni difficili se non proibitive.

San Bartolomeo in Legio – foto di Giulio Speranza

Questa è la magia delle immagini che è possibile vedere nell’anteprima del libro, attualmente oggetto di un’iniziativa di crowdfunding per finanziarne la stampa, a questo link.

Sulle fotocamere utilizzate, sulla tecnica e sulle storie legate a questo lavoro avremo occasione di ritornare con Giulio: per il momento gustiamo insieme questo repertorio.

Max Terzi
maxterzi64@gmail.com
.

Fara San Martino – foto di Giulio Speranza

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo volume può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo, elettronico, meccanico o in fotocopia, in disco o in altro modo, compresi cinema, radio, televisione, senza autorizzazione scritta dell’Editore. Le riproduzioni per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito dei specifica autorizzazione rilasciata da New Old Camera srl, Via San Michele del Carso 4, 20144 Milano, Italy. info@newoldcamera.it

All rights are reserved. No part of this book may be reproduced, stored or transmitted in any form or by any means, electronic, mechanical or photocopy on disk or in any other way, including cinema, radio, television, without the written permission of the publisher. The reproductions for purposes of a professional or commercial use or for any use other than personal use can be made as a result of specific authorization issued by the New Old Camera srl, Via San Michele del Carso 4, 20144 Milano, Italy. info@newoldcamera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *